FAVINIA PASSULE’ FIRRIATO

-12%

FAVINIA PASSULE’ FIRRIATO

32.00 28.00

8 disponibili

Richiedi maggiori informazioni

  • Descrizione

Descrizione

Classificazione: IGT Terre Siciliane Vitigno: Zibibbo Zona di produzione: Isola di Favignana – Tenuta Calamoni Tipo di terreno: Origine calcarenitica La “farfalla” delle Egadi spiega le sue ali dopo un secolo di torpore per posarsi sull’animo attento e sensibile degli amanti delle sfide e dei gesti eroici, attraverso l’impronta inimitabile del suo Passulè. Le uve dell’apprezzato Zibibbo incontrano la benevolenza di un terroir che è tornato a vivere e a restituire gratitudine con un nettare mielato. Il suo vino, fresco e vivace, è il segno vigoroso di una vite che non si lascia spezzare dalle controversie naturali, ma stringe con esse un sodalizio veemente in nome di un elisir della gioventù che induce ad un’ebrezza anelata. Il neo-nato della famiglia Firriato necessita di un palato bramoso di innovazione. Note di degustazione Colore: giallo dorato intenso con riflessi mielati; Olfatto: splendide protagoniste sono le fragranze di arancia candita, datteri e fichi secchi. Il bouquet è fine ed elaborato, con inebrianti sfumature di salvia e citronella; Palato: aristocratica freschezza che incede su un palato morbido e ambizioso. Frutto intenso e piacevole dal gusto incisivo e delicato, dolce come il sole che accarezza l’isola natia. Curiosità La famiglia Firriato continua a stupire e a rimanere fedele al giuramento di progresso dando il benvenuto allo stimato Passulè, un vino dall’elevato valore distintivo, forgiato dall’azione eroica del Favonio, vento di ponente che dà il nome all’isola più grande dell’arcipelago delle Egadi. Il suo soffio caldo e fervido offre protezione alla vite e le ridona vitalità e fascino in un tepore avvolgente e fecondo. L’azione altruista del florido alito rende l’ Aegusa romana una perla marina con la vocazione di splendere per autenticità. Favignana è tutto questo: è la sublime rigogliosità dei germogli, è l’entusiasmo dell’attesa, è il gusto di mare e di terra bruciata da un sole troppo caldo, che rivitalizza il suolo calcareo e i cuori gentili dei degustatori.